Il mercato è, notoriamente, l’incontro della domanda e dell’offerta. Questo incontro tra produttori e clienti ha per oggetto un bene economico, un prodotto o un servizio.

La ricerca di mercato viene utilizzata per capire cosa vorrebbe acquistare il cliente, quanto è disposto a spendere e quali alternative sono disponibili.

Uno strumento importante di cui avvalersi

Attraverso lo studio di clientela e concorrenza, un’azienda individua i prodotti che soddisfano maggiormente i propri potenziali clienti e quelli per i quali, invece, è necessaria una implementazione.

Studiare il mercato significa anche ricevere informazioni significative per l’azienda e per i consumatori. Per esempio, prezzi, condizioni di pagamento, alternative disponibili…

Un’azienda che può accedere a questo genere di informazioni è in grado di prendere decisioni consapevoli, siano queste nella direzione di apportare modifiche al proprio servizio o prodotto, di abbandonarne la produzione, di cambiare le strategie di vendita, o altro.

Le ricerche di mercato sono indispensabili prima di un investimento importante

Quante aziende hai visto avventurarsi in un ambito produttivo sulla spinta del “Lo posso fare anche io” senza avere prima indagato il peso tra domanda e offerta? Avere chiaro il quadro della situazione ci mette in grado di individuare nicchie appetitose, ma ancora scoperte. Fare uno studio di mercato prima di un importante investimento è uno dei contesti che può suggellare un successo o scongiurare una cassandra annunciata.

Qual è lo scopo della ricerca di mercato?

Un concetto d’analisi sviluppato da Horst Wildemann fornisce una diagnostica sul bene oggetto della nostra produzione o che vogliamo andare a produrre dopo un investimento in nuovi macchinari, di cui l’azienda può beneficiare per decisioni ponderate che portino un veloce ritorno sull’investimento; questa ricerca però va condotta, secondo lo studioso citato, rendendo i test imparziali e neutri nei confronti del mandante.

Che sia una ricerca demoscopica o economica, gli strumenti oggi a disposizione per il “fai da te” sono molteplici, ma è evidente che, anche in questa attività come in altre, l’esperienza gioca un ruolo fondamentale.

Un’altra componente da considerare è che i dati raccolti vanno poi interpretati e messi a frutto.

Quale modello utilizzare per l’interpretazione dei dati raccolti?

Il modello oggi utilizzabile si può facilmente scegliere tra diversi precostituiti e il consulente ci può orientare a seconda dello scopo che vogliamo raggiungere.

Laddove però si voglia portare a casa un po’ più di una crocetta su un formulario, noi di Pink Solution conduciamo interviste face-to-face ai Key Account che ci vorrai indicare muovendoci su tutto il territorio nazionale.

Parlane con noi: info@pinksolution.it