Abbiamo parlato nel precedente articolo di perché serva un Chief Digital Officer per affrontare la digitalizzazione in azienda. Forse qualcuno però, sta ancora chiedendosi perché affrontare la digitalizzazione.

Dalla crisi del 2008, in cui abbiamo visto cadere a picco le borse e, con loro, gli ordinativi delle nostre aziende, sappiamo bene che, la velocità, la capacità di reazione, le decisioni basate sui dati e non prese dall’intuizione dalla persona meglio pagata nella stanza, hanno un peso molto importante.

Abbiamo anche imparato che il concorrente potrebbe non essere quello classico ma una idea innovativa. Che un prodotto che “andava forte” fino a ieri, potrebbe essere presto soppiantato da un nuovo modo di guardare le cose.

Essere pronti al nuovo Cigno Nero

Non essere preparati per lo smart-work, per il lavoro svolto da remoto è un altro fattore da tenere in considerazione e l’abbiamo tristemente visto nelle scorse settimane.

Come facciamo allora noi a metterci in grado di avere le orecchie aperte?  Serve uscire dalla logica del non è per noi o dell’abbiamo sempre fatto così.

Se pensate che nell’ambito industriale “tradizionale” è presto per pensare al digitale, sappiate che svariati soggetti che rientrano in questa categoria hanno già intrapreso questo cammino.  Andiamo da imprese edili a produttori di materiali isolanti, a rivenditori di attrezzature industriali e sono tutti piuttosto soddisfatti di avere abbracciato le nuove tecnologie.

Ne vale la pena

Fosse anche solo l’implementazione vendite, marketing e post vendita, la comunicazione, la gestione dei contatti dalle fiere, ne varrebbe la pena. Siamo certi che, quando avrete “assaggiato” il primo mattoncino, vorrete provare anche gli altri.

Un suggerimento: non pensate di fare questo cammino con il fai-da-te perché l’attenzione che va data al progetto richiede una persona dedicata, che si nuova come il ragnetto di google tra tutte le funzioni aziendali, e che non sia distratto dal quotidiano.

L’IT Manager deve garantire il funzionamento del servizio agli utenti e non può dedicare il tempo di studio che sarebbe necessario per esaminare le peculiarità dei vari software e le modalità di applicazione, se non distogliendosi, completamente dai suoi incarichi. Ogni altro ruolo permanente in azienda dovrebbe trascurare troppo, per abbracciare questo nuovo ruolo che serve, poi, solo per il tempo della realizzazione del progetto.

Il C.D.O. lavora a Progetto ed ha tutti gli skills necessari.  Affittatelo per le diverse tappe dell’implementazione che prevedete di fare, è un piccolo investimento, ma di grande utilità.

 

 

Mostraci il tuo  interesse, compilando il form del nostro sito, e ti manderemo l’omaggio che abbiamo pronto per te. 

#pinksolution     #consulenza     #digital