Abbiamo spesso parlato del tempo che riteniamo non avere per occuparci della digitalizzazione della nostra azienda. Abbiamo parlato del fatto che temiamo che distogliere le persone dal complicato momento attuale possa essere deleterio, ma abbiamo anche detto che, in realtà, questo è un investimento per evitare di farci cogliere impreparati in futuro. E’ un investimento, perché il digitale ci aiuta ad incrementare vendite e i profitti e perché ci aiuta ad avere un controllo sui dati e una capacità di esaminarli, migliorando la qualità delle decisioni che andremo a prendere.

Un “Job to be done” che non riguarda l’IT Manager

Abbiamo anche detto a più riprese, ma giova ricordarlo, che il percorso di digitalizzazione non è un “Job to be done” per l’IT Manager.  Oggi non si parla di mettere un server, di fare programmi, di coinvolgere programmatori o tecnici informatici. No. Per nulla. Capiamolo.

Qualunque sia il progetto da cui desiderate partire, tutto avverrà, senza il coinvolgimento della vostra funzione ICT (se l’avete). Se non l’avete: meglio. Un punto in meno da chiarire. E’ auspicabile che l’IT Manager e il suo team e qualunque altra funzione aziendale collabori perché il digitale è un cambiamento importante e tocca tutte le sfere aziendali. E’ un cambiamento di mentalità.

Diverso è se volete digitalizzare un processo continuando a fare quello che facevate prima, solo più velocemente. Allora sì, questo è pane dell’IT Manager, ma non è digital transformation. E’ un’altra cosa. Quello di cui parliamo noi, quello che prevede il metodo del “digital building blocks”  è un’altra cosa e prevede un pensiero strategico  le cui redini devono essere tra le mani della Direzione Generale/Amministratore Delegato.

Il digitale è un elemento

Il digitale è un elemento come lo fu la corrente elettrica nel ‘900, come lo fu la scoperta della carta stampata per la diffusione della conoscenza. Nulla sarà più lo stesso. Non possiamo pensare di comprare “il digitale” e metterlo lì, come un soprammobile. Tutte le funzioni aziendali saranno coinvolte perché cambierà profondamente (deve farlo) il modo di lavorare, di relazionarsi col cliente, di relazionarsi all’interno dell’azienda.

Piattaforme collaudate e sempre efficienti

La scelta migliore che possa esistere è utilizzare piattaforme esistenti, che garantiscano, efficienza, cura tecnica, riservatezza, le migliori tecnologie e continui aggiornamenti ed implementazioni. Se 15000 aziende nel mondo hanno scelto una piattaforma CRM, non andate a cercare qualcosa “ad hoc” che deve essere sperimentato e testato proprio su di voi! Restate sempre nell’ambito dei migliori, dei più scelti.

Sono scelte strategiche del vertice aziendale

Appare evidente che la funzione ICT ha la stessa parte, nell’implementazione digitale di quella che potrebbe avere qualsiasi altro reparto. Il vostro “IT man” non è esperto nella configurazione ed utilizzo di questi nuovi strumenti. Può averne letto qualcosa ma non ne ha alcuna esperienza. Perché il progetto dovrebbe essere affidato a lui quando si tratta di decisioni strategiche e la parte tecnica è comunque da affidare ai fornitori? Se poi lo volete delegare, per fiducia nell’uomo specifico o per qualsiasi altra ragione: è una scelta.

Previsione di spesa

Ovviamente si può fare ogni genere di previsione di spesa, ma inutile comprare una Ferrari se si ha il foglio rosa, che ne dite?

Per l’anno #1, io consiglio di accantonare, come previsione di budget, una cifra che va dai 60.000€ ai 160.000. € a seconda di quanto vogliate spingere sull’acceleratore. La cifra comprenderà, in ogni caso, il Consulente C.D.O. ad orchestrarvi l’intero sviluppo – tempo e costo commisurato all’entità della scelta dei progetti – il/i progetti scelti da sviluppare, una parte importante di realizzazione e la formazione per i vostri dipendenti ai nuovi strumenti.  Non male eh?

C’è inoltre da considerare che le implementazioni porteranno miglioramenti nei risultati e quindi i “costi” verranno presto riassorbiti.

Per saperne di più contatta l’autore

 

Autore: Rosa M. Mariani – rosam.mariani@pinksolution.it

Consulenza Strategica – Chief Digital Officer – Metodo Digital Building Blocks

Esperta nell’efficientamento di processi organizzativi e di vendita nel mondo dell’alluminio

“Piantiamo il seme che,  se opportunamente innaffiato, genera sviluppo esponenziale”

#consulenzastrategica #pinksolution #aluminium #rolledproducts #inboundsales